Friday, January 26, 2007

THANK YOU, GARLAND


di Garland Jeffreys

"I live shows, innamorarsi del pubblico, mostrare l'anima e il cuore sul palco sono i miei gioielli. Li proteggo con la mia vita e li regalo liberamente ai miei fans. Cantare e suonare dal vivo é sempre al primo posto. Così tutti voi, giovani cowboys là fuori, tutti voi giovani musicisti, mettetevi davanti al vostro specchio a casa e fate pratica con le vostre mosse. (....)
Sono un ragazzo analogico e il formato digitale si é portato via quello speciale sound, ma questa é una storia per la prossima volta. E' questo avido regime degli imperatori del music business che é andato fin troppo lontano e ormai funziona come una macchina usata e senza spunto. (....)
Staremo a vedere cosa succederà, non si sa mai, ma dopo tutti questi anni, sento di essere finalmente cresciuto. Mi piacciono tutte le cose meravigliose e stare in sintonia tanto con gli alti che con i bassi della vita, e poi le sfide, il buono, il brutto e il cattivo. A dispetto di ogni delusione, e lo ripeto, a dispetto di ogni delusione, continuo a scontrarmi, adoro i bei tempi e continuo a ringraziare il mio potere superiore lassù, per tutte le fantastiche opportunità che ho avuto. (....)
Lasciatevi prendere. Questa cosa chiamata vita é qualcos'altro ed essere un musicista in tutti questi anni é stato formidabile e mi ricorda quanto fortunato può essere un uomo. (....)
E' tempo per ritrovare il contatto umano e spero di rivedervi presto, che sia in un concerto, in un ristorante, a casa mia o a casa vostra, camminando per le strade e in qualsiasi paese, città o nazione, me ne vado cercando soltanto un po' di spicciola conversazione
."

(tratto dal Buscadero, numero di gennaio 2007)

2 comments:

PV said...

is that garland guy any good?

Fausto Leali said...

I just loved these lines...